Cotto

Piastrella a pasta bianca o rossa (dipende dall’argilla). La colorazione rossa dipende dall’ ossidazione di tracce di ferro.
Viene prodotta artigianalmente (a poro chiuso), e industrialmente (a poro aperto).

Pietre o Rocce

Per roccia si intende un aggregato naturale di minerali cristallini e/o amorfi, particelle e solidi di vario tipo; le rocce sono sostanze non esprimibili con una formula chimica e generalmente formano masse ben individuabili (fonte Wikipendia).

A seconda del processo che dà loro origine vengono distinte in 3 grandi categorie:

  1. Le rocce magmatiche;
  2. Le rocce sedimentarie;
  3. Le rocce metamorfiche

Le Rocce Magmatiche
Sono generate per raffreddamento del magma, una massa silicata fusa. Queste rocce vengono suddivise, in base alla velocità e al luogo di raffreddamento del megma, in rocce magmatiche intrusive (raffreddamento interno: GRANITO, QUARZO, DIORITI), o effusive o vulcaniche (raffreddamento esterno: BASALTO, PORFIDO, POMICE).

IL GRANITO
E’ una roccia magmatica intrusiva felsica, con grana da media a grossolana, a volte con megacristalli. Il granito si compone per il 72% di Silice, il 14% di Allumina, il 4% di ossido di Potassio, e il 3,5% di ossido di Sodio, più altri componenti minori.

IL PORFIDO
E’ una roccia vulcanica effusiva. Il porfido è una pasta vetrosa per il 65%, miscelata con cristalli per la parte rimanente.

IL QUARZO
E’ una roccia magmatica intrusiva felsica, composta da diossito di Silice (SiO2). Il vecchio nome era “ghiacciolo” ovvero “cristallo” (da crio = freddo).

Le Rocce Sedimentarie
Sono rocce generate per sedimentazione di detriti inorganici, organici e Sali minerali, consolidati dalla successiva deposizione di una sostanza cementante. Sono le rocce più diffuse, circa l’ 80% delle terre emerse: ARENARIA, CALCARE, DOLOMIA).

ARENARIA
E’ una roccia sedimentaria composta da granuli delle dimensioni di una sabbia. I granuli possono avere varia composizione. In genere sono costituiti da quarzo legato da un cemento che in genere è carbonato di calcio, silice o ossido di ferro. Esistono due tipologie principali: Arenaria gialla e quella grigia (Pietra serena).

PIETRA DI TRANI
E’ un materiale lapideo composto da carbonato di calcio dolomizzato, cementati da micrite e microsparite.

PIETRA DI APRICENA
E’ una pietra calcarea di origine sedimentaria chimica, costituita da oltre il 96% di carbonato di calcio, e ferro, manganese e alluminio.

TRAVERTINO
E’ una roccia sedimentaria calcarea. Il suo colore varia dal bianco latte al noce, con sfumature dal giallo al rosso. E’ frequente incontrarvi impronte fossili di piante o animali.

Le Rocce Metamorfiche
Sono rocce magmatiche o sedimentarie che sono state portate in condizioni di (presisone e temperatura) diverse da quelle presenti al momento della litificazione della roccia. Queste rocce hanno subito trasformazioni chimiche che ne alterano la composizione mineralogica: ALABASTRO, MARMO.

IL MARMO
E’ una roccia metamorfica composta prevalentemente di carbonato di calcio (CaCO3).

MARMO ROSSO VERONA
E’ un calcare nodulare lucidabile.

ARDESIA (Lavagna)
E’ una roccia semi-dura metamorfica di origine sedimentaria, frutto di un limo finissimo (marna). La sua composizione è calcareo-argillosa, impermeabile e resistente.

Gli Agglomerati

Si definisce agglomerato un materiale composto da materiale lapideo frammentato meccanicamente e miscelato con una sostanza legante in modo da mantenerlo compatto. Esistono due tipologie di agglomerati:

  1. Pezzetti di marmo o calcare e legante;
  2. Pezzetti di quarzo e legante.

Il Cemento Industriale

Il materiale più usato per le pavimentazioni industriali è probabilmente il calcestruzzo armato additivato di quarzo e ben lisciato, mediamente macchine apposite. Il sottofondo è solitamente costituito da una platea in calcestruzzo armato ordinario. Il cemento più utilizzato è il Portland, costituito da ossido di calcio, ossido di silicio, ossido di alluminio, ossido di ferro e ossido di magnesio.

Linoleum

Il linoleum è il capostipite dei pavimenti resilienti, composto da materie prime di origine naturale: olio di lino, farina di legno, farina di sughero, pigmenti coloranti calandrati su un tessuto di juta naturale. Spesso confuso con i pavimenti vinilici o in gomma, possiede caratteristiche che ancora oggi lo rendono una valida soluzione per pavimenti in uffici, scuole ed ospedali. Sensibile ai detergenti fortemente alcalini.

Menu
Apri Chat